2011

Automobili quanto basta

L’articolo, prendendo spunto da un’indagine pubblicata sulla rivista “D” del quotidiano La Repubblica, dal titolo “Auto: Q.B.”, riflette sul cambio di abitudine riscontrato in tutti i Paesi occidentali di una minor “dipendenza dall’auto privata”, soprattutto per le giovani generazioni, magari attirati da altri miti consumistici.

Le strade giuste

L’autore riflette sui lunghi decenni di strade italiane irregolari, con funzioni e spazi e comportamenti arbitrari, e come le strade correttamente ordinate, funzionali, sicure, “a norma”, con certezza di regole, comportamenti e controlli, sia un recente impegno delle amministrazioni e dei cittadini che deve continuare con costanza e continuità per avere una diffusa “legalità delle strade”.

Non avveleniamo in nostri figli

L’autore, prendendo spunto da uno studio dell’Arpa della Toscana, sul rilevamento della qualità dell’aria di fronte alle scuole al momento dell’ingresso ed uscita dalle scuole con la presenza delle auto dei genitori accese, invita gli stessi genitori a sostenere iniziative e piccoli modifiche ai comportamenti quotidiani che possono ridurre l’inquinamento respirato dai figli.

Ma quanti parcheggi servono?

L’autore spiega come valutare l’equilibrio tra le varie domande di sosta, soprattutto nel centro cittadino, che richiede interventi tecnici, organizzativi e gestionali, ma anche una motivata collaborazione dei cittadini per evitare la costruzione di costosi parcheggi in struttura, spesso inutilizzati, e, quindi,  con debiti a carico di tutti, anche di chi non usa l’auto.