L’autore critica l’eccesso di modifiche al codice della strada che portano a pensare che sia sempre la mancanza di una legge o la loro severità a limitare la qualità del sistema della mobilità e del comportamento degli utenti.