La Corte dei Conti ha segnalato che fondi destinati alla rimozione della barriere architettoniche, per favorire la mobilità e l’uso di infrastrutture, sono limitati “sia in valore assoluto, sia con la loro costante riduzione nel corso degli anni, fino a giungere al completo azzeramento dal 2010-2011”.