Una campagna choc voluta dal governo irlandese (videoclip vietato ai minori di 15 anni), per responsabilizzare una guida prudente e, soprattutto, per incidere sulla coscienza di chi esagera con la velocità e per questo si deve “vergognare”.