Il successo delle politiche pro-bici a New York può essere di buono auspicio: se hanno funzionato nella società più auto-centrica del mondo, potranno funzionare anche in Italia?