Nel rapporto tra stato della strade e utente la Corte di Cassazione valuta l’imprudenza di chi era alla guida del mezzo e se l’insidia è prevedibile.