Decreto atteso dal 1992 (previsto dall’art. 14 del Codice della Strada), ma che lascia delusi perché rinvia a successive norme le modalità di intervento per adeguare le strade esistenti.